Essere adolescenti nella società del narcisismo.

Il tema della bellezza è sempre stato centrale in tutte le adolescenze, in qualunque epoca, ma ciò che è interessante notare è come negli ultimi anni sia invece diventato centrale per la vita degli adolescenti (e anche di coloro che l’adolescenza se la tengono stretta da svariati anni!) il tema della bruttezza.

Oggi gli adolescenti sono fermamente convinti di essere brutti.

La società del narcisismo, del successo ad ogni costo, della visibilità sociale, dei like nei social network, di un’estetica spinta fino a diventare eccesso, non sono che alcuni dei fattori di rischio che congiurano alla diffusione di un’epidemia di sospetta bruttezza che sta prendendo piede nell’universo adolescenziale e non.

Viviamo in una società che costringe a confrontarsi con modelli di bellezza, fascino e seduzione che sembrano avere proporzioni e consistenze perfette, armoniose e luccicanti; modelli con cui identificarsi che non sono raggiungibili se non dedicando la propria vita ad una corsa a perdifiato, senza alcuna possibilità di raggiungere la meta.

Chiediamoci allora: quanto deve essere difficile oggi per un adolescente riuscire a definire chi è o chi vuole essere, se la massima libertà di espressione diviene la conquista di una predefinita ed omologante “bellezza”?

F.F.

FacebookTwitterShare to Stumble UponMore...