Tutti noi possiamo incappare in una relazione di questo tipo!

Sono amori infelici, non corrisposti dove lo stare con l’altro richiede una costante fatica ed un efficace autocontrollo.

Possono interessare coppie di adolescenti o mature, persone vicine d’età o con evidente differenza anagrafica, di eguale o diversa appartenenza socio economica.

Sugli amori impossibili sono stati versati fiumi d’inchiostro, hanno ispirato le pagine liriche più intense e sono state argomento d’interesse di riusciti cartoni animati e di famose pellicole cinematografiche:
la tragedia di “Romeo e Giulietta”, il libro “Donne che amano troppo” di R. Norwood, il film “Storia di una dipendenza affettiva “ di F. Truffaut, ecc…

Qual è il punto comune di amori così:
l’altro viene idealizzato, si crede che la propria esistenza sia vincolata dalla sua presenza (senza di te la mia vita non ha senso), la rabbia e la paura di perdere l’oggetto d’amore vengono amplificati dai continui tentativi di fuga o di mancanza di decisioni del partner, nonostante la ricerca di impossibili rassicurazioni.

Un tale rapporto di coppia non è fonte di arricchimento personale, diventa una gabbia di dolore da cui diventa difficile uscirne.

Con un partner così si crea una relazione altalenate e ambivalente tra il sentimento dell’odio e dell’amore, tra l’attrazione e la repulsione, dove i ruoli sono spesso rigidi e fortemente strutturati.

Come da copione, la coppia finisce per litigare sempre per i soliti motivi, ma la coppia può rimanere insieme per tutta la vita.

Infatti, mentre le coppie in equilibrio si evolvono nel tempo sperimentandosi in una sana creatività individuale, questi rapporti non crescono mai e rimangono indissolubili poiché la nevrosi di uno soddisfa quella dell’altro.

Cosa può salvare da una relazione così malsana?

Fare chiarezza sulle personali motivazioni che sono sottostanti alla scelta di restare in una relazione malsana, a riacquistare una sufficiente autostima e a rinunciare all’illusione di cambiare e di avere controllo sul partner.

Solo in questo caso si è pronti ad amare in modo nuovo e sano perché capaci di dare e richiedere gli ingredienti necessari per la crescita individuale e di coppia.

M.Z.

 

 

FacebookTwitterShare to Stumble UponMore...